Stress

Umorismo: un alleato inaspettato per gestire ansia e stress

Le ricerche sull’umorismo suggeriscono che è importante ridere di più

Incontra uno psicologo
Umorismo: un alleato inaspettato per gestire ansia e stress

L’umorismo può essere uno strumento formidabile per affrontare momenti difficili. A confermarlo diversi studi scientifici che ne rivelano l’effetto protettivo rispetto alle conseguenze negative dello stress

Dalle semplici conversazioni di tutti i giorni, al cinema e ai meme (brevi video, spezzoni di film, immagini o modi di dire che ironizzano su qualcosa) l’umorismo ogni giorno si diffonde e viene condiviso diventando parte fondamentale del tessuto culturale. 

Che l’umorismo contribuisca ad affrontare una grande varietà di situazioni è confermato da diversi studi. In particolare, le persone che usano l’umorismo come modalità per affrontare gli eventi stressanti si dimostrano più resistenti agli effetti negativi di questi ultimi, tra cui in primis il peggioramento dell’umore.

Sia per le donne che per gli uomini, l’umorismo e le risate riescono poi anche ad allentare la tensione e l’ansia. Come citato in un altro studio, avere senso dell’umorismo aiuta a rilassare i muscoli, diminuire dolore e sconforto, migliorare il morale e l’autostima.

-Leggi anche: Training autogeno e rilassamento muscolare progressivo. Come funzionano gli esercizi per gestire stress e ansia

Umorismo e sistema immunitario: le risate sono una medicina?

L’umorismo (purtroppo) non è una vera e propria cura per le malattie e non si può dire che aiuti di per sé a mantenere un buon sistema immunitario. La forza di questo atteggiamento deriva invece dalla sua interazione con lo stress, responsabile di un effetto di soppressione del sistema immunitario.

Uno stress eccessivo e incontrollabile può infatti deteriorare il sistema immunitario, aumentando il rischio di incorrere in malattie e rendendo più difficoltoso per il corpo sconfiggere quelle già presenti. L’umorismo funge da moderatore in questa relazione, mitigando gli effetti negativi dello stress e mantenendo in salute il nostro sistema immunitario. 

L’effetto positivo dell’umorismo è noto da tempo. Già negli anni ottanta, alcuni ricercatori canadesi avevano esaminato la relazione tra stress, umorismo e immunoglobulina A (S-IgA). Quest’ultima è uno degli anticorpi principali del sistema immunitario presente nella saliva, nelle lacrime e nelle secrezioni intestinali, con la funzione di difesa primaria da virus e batteri, in particolare quelli che colpiscono il tratto superiore del sistema respiratorio e l’apparato gastrointestinale. Nonostante lo stress abbia un effetto deleterio sulla S-IgA, l’umorismo riesce ad attutire questo effetto supportando il sistema immunitario nel compiere il proprio dovere.

-Leggi anche: Stress, buono o cattivo? Ecco come gestirlo

In che modo l’umorismo combatte lo stress?

Sembra che le modalità principali per cui l’umorismo riesca a modulare l’effetto dello stress siano due. 

La prima agisce sulla capacità di interpretazione dell’evento stressante. In altre parole, gli individui con un buon senso dell’umorismo vedono le situazioni stressanti come una sfida da superare piuttosto che una minaccia. Questa diversa interpretazione della situazione permette di ridurre la propria agitazione e far fronte in maniera più calma e ragionata alla situazione, indagando diverse soluzioni possibili.

La seconda modalità agisce sulle emozioni derivate dall’evento stressante. L’umorismo avrebbe la funzione di distanziare emotivamente dalla fonte di stress, attraverso l’introduzione di emozioni positive in grado di ridurre l’impatto di quelle negative.

Le risate non sono tutte uguali

Finora abbiamo parlato degli effetti positivi dell’umorismo, ma quest’ultimo non deve essere visto come un comportamento unitario. Rod A. Martin, ricercatore presso l’Università di Ontario in Canada, e i suoi collaboratori hanno concettualizzato quattro principali stili di umorismo denominati, affiliative, self-enhancing, aggressive e self-defeating humor

I primi due stili sono entrambi adattivi e positivi e aumentano il benessere con le modalità che abbiamo già nominato. Il primo stile si riferisce a un umorismo bonario che consiste in battute divertenti e non ostili che aiutano la coesione sociale. Il secondo consiste nell’assumere una prospettiva umoristica sugli eventi, anche avversi, della vita, introducendo emozioni positive e limitando le possibili emozioni negative derivanti dagli eventi stessi. 

Gli ultimi due stili riflettono invece un umorismo disadattivo. L’aggressive humor ad esempio ridicolizza e provoca l’altro con conseguenze negative sulla relazione. Il self-defeating humor infine è una critica diretta contro se stessi in un tentativo vano di migliorare la relazione con l’altro. 

Umorismo macabro: è bene ridere di tutto?

È davvero un bene ridere di tutto? Le categorie di lavoratori che sono a stretto contatto con malattie, morte, violenza insensata e in generale alti livelli di stress spesso ricorrono all’umorismo macabro per distanziarsi da contenuti difficili da elaborare e per mantenere coeso il gruppo di lavoro. Ciò potrebbe dipendere dal fatto che trovarsi di continuo di fronte a una situazione temuta la rende meno “tabù”, anche se dall’esterno questo umorismo può essere scambiato per un atteggiamento cinico.

Sembra quindi che una buona dose di umorismo macabro sia una reazione naturale a una situazione che ha già di per sé un tono cupo. Forse questo sembra spiegare uno degli ultimi meme diffusi sul web  con protagonisti alcuni portatori di bara ghanesi e il loro rito funebre danzante (in foto), divenuti famosi proprio in questo periodo in cui abbiamo a che fare quotidianamente con il tema della fragilità e della morte.

È importante tenere conto, tuttavia, che un abbondante utilizzo di umorismo macabro in lavoratori a rischio può essere un indicatore di un’eccessiva presenza di stress per la persona, rappresentando quindi un segnale di allarme verso un possibile burnout, così come viceversa può esserlo l’incapacità di ridere come prima di certi argomenti.

I personaggi del meme umoristico più famoso della pandemia

 

Se ti senti in difficoltà e l’umorismo non basta più, chiedi un consulto psicologico. Prenota un primo colloquio con i professionisti del Santagostino a questo link. Sono previste anche terapie specifiche per ansia e stress da Coronavirus